Progetto Storytelling

Il progetto “StoryTeller- Empowering of persons under risk of exclusion through development of storytelling professional training in under-equipped EU countries” è finanziato dal progetto Erasmus+ (KA2) e consiste in una partnership strategica per la formazione professionale (n. 16-202-021567).

ST_LOGO_R

L’idea di questo progetto nasce dalla notevole diffusione nel territorio europeo delle tecniche di storytelling, applicate nell’ambito delle relazioni di aiuto. Con quest’ultimo termine si definisce un tipo di rapporto che dà beneficio a uno o entrambi gli interlocutori. Più nello specifico, una relazione di aiuto si instaura tra un professionista (medico, infermiere, psicologo, educatore, insegnante, ecc.) e uno o più utenti (clienti/pazienti). Lo storytelling è ampiamente riconosciuto come un approccio potenziante, sia per coloro che raccontano le storie, sia per coloro che le ascoltano.

Il target di questo progetto sono i gruppi svantaggiati, di varia natura ed estrazione, che negli ultimi anni crescono sempre di più all’interno dell’UE. In quest’ottica, il progetto intende lo storytelling come uno strumento utile per potenziare le comunità a rischio e i professionisti che in esse e/o con esse lavorano.

Pur essendo ritenuto una metodica e una disciplina molto utile e in grado di favorire significativi cambiamenti, soprattutto nelle aree settentrionali dell’UE (Scozia e Irlanda del Nord), in USA e in Australia, lo storytelling, tranne alcune eccezioni, non viene insegnato in forma strutturata, uniforme e istituzionale all’interno dell’UE. Di conseguenza, ulteriore obiettivo del progetto è di valutare la possibilità di procedure di accreditamento dello storytelling, all’interno delle nazioni europee rappresentate dai membri del Consorzio, con l’obiettivo di:

  • rispettare i bisogni delle categorie a rischio a causa di diversi fattori (disabilità, etnia, cultura, status socioeconomico e altre situazioni di svantaggio)
  • avvicinare allo storytelling un ampio ventaglio di categorie professionali che lavorano con comunità a rischio
  • provare a inserire lo storytelling all’interno del Quadro Europeo delle Qualifiche (EQF), in modo da favorire l’accreditamento della formazione professionale in storytelling a livello europeo

L’obiettivo del Consorzio è porre le basi per uno sviluppo a lungo termine dello storytelling come disciplina e metodica professionale all’interno delle nazioni europee in cui esso è meno diffuso, così da creare un maggiore equilibrio del suo sviluppo nel territorio dell’UE e contribuire a una società europea più equa e resiliente.

I Partner del Consorzio del progetto:

  1. Ozara d.o.o. (Capofila – Slovenia) ozara.si
  2. BBRZ Österreich (Austria) bbrz.at
  3. Eolas s.l. (Spagna) eolas.es
  4. UNIPOSMS (Italia) uniposms.it
  5. Storybag (Paesi Bassi) storybag.nl
  6. Ceres Europe NI (Irlanda del Nord – Regno Unito) cereseurope.com
  7. Imagine d.o.o (Slovenia) imagine.si

 

Durata del progetto: 2016 – 2019

>>> Maggiori info su www.learnstorytelling.eu

Print